La Gondola e
la sua storia
Utilizzare
la Gondola
1 Introduzione all'uso della Gondola
2 Breve storia dei traghetti a Venezia
3 I Traghetti attivi in Canal Grande
4 Il "nolo" della gondola
5 Venezia vista dall'acqua
Bibliografia
Rassegna
stampa
Itinerari
News
Links
Contattaci
Cartoline
da Venezia
Guest Book

Capitolo 1 Introduzione all'uso della Gondola

1 - L'uso della gondola
pag.  1 


Il "fresco" in barca era una tradizione "mondana".

In una città come Venezia, le vie acquee sono sempre state le più usate per i trasporti. La GONDOLA , per le sue caratteristiche di manovrabilità e velocità, è stata, fino all'avvento dei mezzi motorizzati, l'imbarcazione più adatta al trasporto di persone. Nata come mezzo privato per gente di un certo rango, essa veniva usata sia per spostarsi da una parte all'altra della città (o per recarsi nelle isole viciniori), sia per il piacere di muoversi sull'acqua a bordo di una imbarcazione comoda e silenziosa. In GONDOLA, infatti, si poteva (e si può tuttora!) prendere il fresco nelle calde notti estive (o tardo primaverili), sfoggiare la propria eleganza, conversare con i passeggeri delle gondole vicine, oltre a compiere tutta una serie di usi (ed abusi) che rendevano questa barca meravigliosa un territorio privato fungente da casa, ma anche da bisca, ambasciata, garçonnière e altro ancora.

"Gondolone" da parada in Canal Grande.

Naturalmente non tutti potevano possedere o noleggiare una gondola per questi usi: il popolo, generalmente, vi saliva per farsi "traghettare" da una parte all'altra di un canale. Per questa esigenza, infatti, venivano usate imbarcazioni a fondo piatto molto simili ai "gondoloni da parada" che si usano oggi per attraversare il Canal grande.

Il classico "giro in gondola" sul Canal Grande.

Anche ora vi è una distinzione simile: ci sono GONDOLE destinate alla visita della città, al fresco notturno, alle serenate, al famoso "giro in gondola" (sono dette gondole "da nolo", perchè vengono, in pratica, noleggiate) e vi sono le gondole "da parada" adibite all'attraversamento dei canali, al "traghetto", cioè. Le prime sono utilizzate generalmente dai turisti e solo in certe occasioni (i matrimoni, ad es.) anche dai veneziani. Questi ultimi, invece, sono i più assidui frequentatori dei traghetti, per le esigenze pratiche di passare da una parte all'altra del Canal Grande.


English version